DOLOMITI PATRIMONIO UNESCO

Monte Serva

L’iscrizione nella lista del Patrimonio Mondiale

Nella 33° Riunione del 26 giugno 2009 a Sevilla ed in comune accordo, é stata accettata la richiesta per l’iscrizione delle Dolomiti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Le Dolomiti sono state accolte grazie alla loro bellezza, alla loro unità paesaggistica e alla loro importanza scientifica di livello geologico e geomorfologico, come unico nel suo genere.

Nove gruppi dolomitici sono stati riconosciuti per l’iscrizione alla World Heritage List (la lista del Patrimonio dell’umanità), come la testimonianza di una zona montuosa unica che ricopre una superficie di 142.000 ettari. Le Dolomiti sono iscritte come “Bene Seriale” poiché si configurano come un insieme unitario, seppure articolato e complesso, sia dal punto di vista geografico-paesaggistico che da quello geologico-geomorfologico.

I nove gruppi montuosi interessano i territori di cinque Province (Belluno, Bolzano, Pordenone, Udine e Trento), nelle quali si parlano quattro lingue ufficialmente riconosciute: italiano, tedesco, ladino e friulano. Le cinque Province sono caratterizzate da un quadro istituzionale e amministrativo diverso a causa del loro sviluppo storico culturale.*

Area protetta dell'UNESCO - Zona Dolomiti

Per utilizzare la mappa:
La mappa geografica qui riportata rappresenta l'area protetta dell'UNESCO delle Dolomiti ed è stata realizzata sulla base della cartografia della The Dolomites - inscribed zones. Le zone coperte rappresenta "l'area cuore", la linea d'intorno invece rapresenta “l'area tampone”, ossia la fascia limitrofa esterna con funzione di protezione aggiuntiva. Per un orientamento migliore sono riportati sulla mappa in colore verde le sottosezioni delle alpi secondo SOIUSA.
Fare doppio clic sulle icone per avere maggiori informazioni sull'area protetta ed i link inoltrano sul sito ufficiale delle aree protette.
Qui si può anche sperimentare un volo virtuale attraverso l'area protetta dell'UNESCO. Premere il pulsante in basso a sinistra "Volo virtuale area Patrimonio Dolomiti!" per la riproduzione. Il volo fa vedere le 9 gruppi montuose che sono stati accolti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.
Importante! Per visualizzare la mappa geografica virtuale è necessario il plug-in di Google Earth - Se si trova una nota nella finestra qui per l'installazione, bisogna visualizzare la mappa seguendo le istruzioni per l'installazione.
Informationen zur Verwendung der Karte:

L’Obiettivo dell'UNESCO

L'UNESCO è l'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) per l'educazione, la scienza, la cultura e la comunicazione e s’impegna per la tutela del patrimonio culturale e naturale del mondo. Si concentra sull'idea che straordinarie conquiste culturali e unici fenomeni naturali, siano a disposizione di tutta l'umanità e che non appartengano solo allo Stato in cui si trovano. Nello stesso momento, tutta l’umanità è responsabile per la protezione e la conservazione. Questa idea di un patrimonio universale che deve essere preservato per le generazioni future, è ancorato nella Convenzione del Patrimonio Mondiale. Nel 1972 è stato adottato la Convenzione e ratificata da 186 Stati.

Le Dolomiti, le montagne d’identità

"L'UNESCO ha riconosciuto queste montagne grazie al loro valore geologico e paesaggistico, considerandolo come l’espressione più profonda e più viva dell’identità del territorio, in stretta relazione tra l'uomo e l'ambiente che, oltre ai fattori naturali, l’uso e i costumi delle persone del posto, hanno preservato e modellato questo paesaggio nel corso dei secoli.

Pertanto, il riconoscimento come Patrimonio Mondiale, offre la possibilità di condividere un progetto di sviluppo sostenibile basato sull’idea di “montagna delle identità” fondamentale per lo sviluppo sostenibile delle Dolomiti. Un progetto in grado di valorizzare il territorio e le sue culture, creando un sentire comune delle genti che popolano le alte quote e le quali hanno un ruolo fondamentale nell’assicurare la partecipazione di tutti per focalizzarsi al meglio su obiettivi e significati.

L’iscrizione delle Dolomiti nel Patrimonio Mondiale, è un’opportunità straordinaria per affrontare i vari aspetti riguardanti le montagne e, nello specifico, anche in ambito culturale del territorio dolomitico. Tutti temi sono da affrontare con nuova consapevolezza e responsabilità amministrativa per garantire nel tempo la durata dei valori universali che l’UNESCO ha qui riconosciuto.

Tutti fenomeni culturali e naturali, iscritti nel Patrimonio Mondiale devono avere un carattere salvo e integro. Questi caratteri sono la misura per l’unità e per la qualità intatta del bene naturale e per le sue qualità straordinarie.

Per conservare i valori scenici e la storia naturale delle Dolomiti, é richiesto l'impegno di tutti. Gli abitanti del posto, gli ospiti e gli amici delle montagne, devono fare in modo di accorgersi ancor di più dell’unicità di questo meraviglioso paesaggio. Tuttie le persone vanno dunque convinte che solamente condividendo questi valori possiamo raggiugere notevoli risultati sostenibili per un’interazione rispettosa con il Patrimonio Mondiale delle Dolomiti." *

Collegamenti correlati

Il sito ufficiale dell’UNESCO - World Heritage Site - Le Dolomiti (in inglese).

Qui è possibile scaricare la brochure completa sulle Dolomiti dell’UNESCO Dolomiti (circa 5 MB), fornito dalla Provincia Autonoma di Bolzano.

Sito della Fondazione Dolomiti patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Sito web della Provincia Autonoma di Bolzano - Dipartimento della natura, paesaggio e della pianificazione territoriale - Lista del Patrimonio Dolomiti.

Indicazione delle fonti

* Estratto dal Unesco Dolomiti Patrimonio Mondiale Brochure, fornito dalla Provincia Autonoma di Bolzano - (PDF 5 MB) - (Documento PDF con ca. 5 MB)